Home / NEW ITALIA / Conte a Milano: “Non ci sono le condizioni per un ritorno alla normalità

Conte a Milano: “Non ci sono le condizioni per un ritorno alla normalità

“Non ci sono le condizioni per tornare alla normalità”. Il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, arrivato in prefettura a Milano dove ha incontrato il sindaco, Giuseppe Sala, e il presidente della Regione, Attilio Fontana, riconosce che “molti cittadini non sono rimasti contenti delle nuove misure, lo stiamo vedendo. Questo è anche comprensibile, tutti speravano di tornare presto alla normalità ma non ci sono le condizioni per tornare alla normalità. Questo ce lo dobbiamo dire in modo chiaro e forte”

“Non è questo il momento di mollare, non è un liberi tutti, noi ci accingiamo ad attraversare la fase 2 che è quella di convivenza con il virus, non la fase di liberazione dal virus”, ha sottolineato, “con queste nuove misure noi manderemo al lavoro altri 4,5 milioni di lavoratori. Non è questo il momento di mollare. Questo governo non cerca il consenso, ma di fare le cose giuste anche se questo vuol dire scontentare un gran numero di cittadini. Ma i cittadini devono avere fiducia che queste decisioni sono responsabili e nell’interesse di tutti”.

“Dispiace il rammarico della Cei”

“Lavoreremo per definire un protocollo di massima sicurezza per garantire a tutti i fedeli di partecipare alle celebrazioni in piena sicurezza”, ha aggiunto Conte, “mi dispiace molto perché questo governo rispetta tutti i principi costituzionali, la libertà di culto, religiosa e di professare anche con la pratica la propria fede. Dispiace creare un comprensibile rammarico con la Cei e chiesa italiana”.

“Ci siamo sentiti con loro, non c’è un atteggiamento materialista, nessuna insensibilità su questo. C’è si’ una grossa rigidità da parte del comitato tecnico scientifico sul presupposto che, anche nella letteratura scientifica, la pratica religiosa è una delle fonti dei focolai” ha concluso. 

“Per le famiglie stiamo studiando misure, oltre ai congedi straordinari e al bonus baby sitter. Altre misure per cercare di sostenere le famiglie, ci rendiamo conto della difficoltà particolare e cercheremo di dare un sostegno economico”, ha proseguito il premier, promettendo un “piano per l’infanzia”.C

Fontana: “Ad aspettare così tanto si rischia”

“Il presidente Conte ha dato l’assicurazione che si occuperà, controllerà e guarderà queste problematiche e cercheremo di risentirci nei prossimi giorni per trovare una soluzione che possa essere condivisa”, ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, al termine del vertice in prefettura.

“Ho avanzato l’ipotesi – precisa – che aspettare così tanto tempo rischia di creare dei problemi notevoli a interi comparti. Quindi ci pensi”. “Abbiamo discusso i problemi più rilevanti che emergono dalla lettura del dpcm di ieri – ha spiegato -. Abbiamo fatto presente i problemi legati al trasporto pubblico, alla spalmatura dell’inizio degli orari di lavoro, i problemi legati ai ragazzi e ai bambini che devono rimanere a casa. Abbiamo affrontato questi e altri problemi”.

Sala: “Milano ha voglia di ripartire con prudenza”

Milano ha voglia di ripartire con la prudenza dovuta”, ha detto Sala, al termine dell’incontro in prefettura con il premier, con il quale ha spiegato di aver avuto “in buon colloquio, cordiale”.

“Ho spiegato al presidente – ha continuato – che Milano ripartirà il 4, ma probabilmente ripartirà di più il 18, perché non siamo una città con molta industria. Qui c’è molto servizio e questo ci darà modo di mettere a punto soprattutto i trasporti, che sono una mia grande preoccupazione, e al contempo di vedere come si riparte e se effettivamente c’è il rischio di una ripartenza del contagio”.

Durante l’incontro con il premier Conte “ho sottolineato che la fiducia nei sindaci non è mai mal riposta, perché obiettivamente tocchiamo con mano le problematiche, capiamo i bisogni, ci tirano la giacca da tutte le parti, pero’ siamo figure viste dai cittadini come i loro veri interlocutori”, ha concluso.

Comments

comments

About ERNESTO DARCOURT ARCE

Te podría interesar también

Covid Italia, il bollettino di oggi: 1.638 nuovi casi e boom di morti (24). Mai così decessi da inizio luglio

Covid Italia, il bollettino di oggi 19 settembre 2020. Sono 1.638 i nuovi casi di coronavirus in Italia, in …